ANNO
2013

FATTO
D.M. viene arrestato per la detenzione di un quantitativo di stupefacenti suddiviso in dosi e superiore al quantitativo massimo detenibile. E' accusato di detenzione al fine di spaccio di sostanza stupefacente.

QUESTIONE
Il superamento dei quantitativi massimi detenibili secondo il D.M. n. 11.4.2006, unitamente al frazionamento in dosi della droga sequestrata sono sicuro indice di attività di spaccio?

RISPOSTA
La presenza di alcuni indici sintomatici del possibile spaccio non assume valore decisivo in caso di convincenti arogmentazioni difensive. Nella fattispecie D.M. - assistito dall'Avv. Daniel Giudice - aveva affermato di aver acquistato della cocaina per uso personale in quantità non minima a seguito di documentata vincita ad una lotteria istantanea e di aver ricevuto direttamente dal pusher le dosi frazionate