DATA
6/07/2012

FATTO

All’esito di un lungo e complicato dibattimento, è stato finalmente assolto M.N., imputato di violenza sessuale e sfruttamento della prostituzione ai danni di una connazionale. Il Pubblico Ministero aveva richiesto la condanna ad anni 5 e mesi 6 reclusione, ma il Tribunale – accogliendo le tesi difensive e ritenendo inattendibili e comunque non riscontrate le dichiarazioni della persona offesa – ha assolto l’imputato da tutti i reati a lui ascritti, per non aver commesso il fatto.